SEI UN GENITORE
O UN EDUCATORE?

TI INTERESSA L’EDUCAZIONE
DEI FIGLI E DEI RAGAZZI E MIGLIORARE NOTEVOLMENTE LA TUA VITA ?

VUOI AIUTARE I TUOI FIGLI E I RAGAZZI A SUPERARE E RISOLVERE I PROBLEMI DELLA CRESCITA?

Vuoi aumentare le tue capacità
in qualsiasi campo tu operi ?


 

..SI !


Se continui a leggere troverai informazioni che ti potranno essere molto utili....

Da Andrea Ungarelli
Data odierna:
Oggetto: Insegnare ai tuoi figli e migliorare la tua vita

Chi è Andrea Ungarelli ?

Andrea Ungarelli è uno Psicologo e un Consulente personale.

In Breve, Mi occupo da tempo di formazione, e l'obiettivo è quello di aiutare le persone che si sono rivolte e si rivolgeranno a me a sviluppare abilità pratiche e concrete che permettono di migliorare la qualità della vita e il modo di lavorare e operare.

Andrea Ungarelli è l'autore anche del libro cartaceo " AIUTARE GLI ALTRI " ( Strumenti pratici per il volontariato ) Edizioni Diversa Sintonia - via Togliatti 138/B - Stienta / Ro


Salve, e benvenuto/a sulla pagina di: INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE


Gentile lettore,

Se in questo momento sei impegnato/a e sei di fretta, ASPETTA un momento migliore per leggere il contenuto di questa pagina.


Questo sito potrebbe essere MOLTO IMPORTANTE per te perché TROVERAI delle informazioni che potranno esserti molto utili per l’educazione di tuo figlio/a o dei tuoi figli.

Se invece sei un insegnante o un educatore e lavori con i bambini o con i giovani e le loro famiglie, troverai strumenti che ti aiuteranno nel tuo difficile e importantissimo lavoro.

Intanto, se non lo hai già fatto, iscriviti al CORSO GRATUITO PER GENITORI.


Le mail GRATUITE che riceverai contengono MOLTI consigli e
strumenti utili per il tuo ruolo di genitore o di educatore.

Le mail che ti invierò gratuitamente sono un vero e proprio
CORSO GRATUITO PER GENITORI (E PER EDUCATORI)!!!

Approfitta di questa occasione.....

Presto qui il servizio, torna a trovarmi...

 

“Se dai a un uomo un pesce lo sfamerai per un giorno, se gli insegni a pescare lo sfamerai per tutta la vita”
 Kuang-Tsen

Sicuramente avrai già sentito questa frase.

E sicuramente ne conosci IL SIGNIFICATO.

E' una frase che spiega molto bene l'importanza di avere delle capacità che ci facciano essere AUTONOMI E INDIPENDENTI durante la nostra vita.

In questa pagina troverai informazioni molto utili per riflettere sull’importanza dell’autonomia e dell’indipendenza dei tuoi figli.

Troverai anche tante informazioni utili per superare le difficoltà che si presentano, per risolvere eventuali problemi e soprattutto per PREVENIRE LA FORMAZIONE DI PROBLEMI EDUCATIVI.
 
Quando ero un ragazzo, ancor prima di iscrivermi all’Università, ero affascinato dal comportamento delle persone e probabilmente come tutti i giovani curiosi dei fatti della vita, mi facevo molte domande.

La maggior parte di queste domande erano molto ingenue, ripensandoci oggi, altre, invece, probabilmente dovremmo continuare a farcele anche da adulti...

Mi chiedevo perché le persone si complicassero enormemente la vita, fino al punto di soffrire TANTISSIMO, nonostante dal punto di vista materiale non mancasse praticamente nulla.

Mi chiedevo perché le persone facessero cose che INVECE DI MIGLIORARE LA LORO VITA LA COMPLICAVANO e nonostante questo fosse più che evidente, CONTINUAVANO (E CONTINUANO) NELLA STESSA DIREZIONE.

Dice un proverbio cinese:
"Se non cambiamo direzione, con tutta probabilità, andremo dove siamo diretti"

Questa frase dovrebbe far riflettere molte persone e soprattutto I GENITORI E GLI EDUCATORI, che sono le persone a cui è principalmente rivolto questo sito... ma torniamo a me e ai miei tormenti giovanili.

Ero molto affascinato dai grandi misteri della MENTE UMANA.

Fu quindi per me naturale iscrivermi alla facoltà di Psicologia, scegliendo l’indirizzo clinico perché mi sembrava il più adatto a rispondere a queste domande.


Trovai le risposte ?

In parte si e in parte no...

 

In parte NO perché certe domande credo che una risposta proprio non ce l’abbiano.

In parte SI perché ero riuscito a darmi qualche spiegazione, che però, come in ogni brava ricerca che si rispetti, si era trasformata in.... NUOVE DOMANDE!!!

Come è possibile aiutare le persone a RISOLVERE I LORO PROBLEMI???

E come è possibile riuscire a farlo NELL'ARCO DI TEMPO PIU' BREVE POSSIBILE???

Queste erano le DOMANDE che da giovane Psicologo mi ponevo.

Si potrebbe pensare: Ma come? Ti sei laureato in Psicologia e non sai come si aiutano le persone?

Si, proprio così !

L’Università da sola NON PREPARA assolutamente i giovani psicologi ad aiutare le persone.
Per questo occorrono le specializzazioni o i master.

Ma… non bastano neppure questi.

O meglio le specializzazioni possono darti gli STRUMENTI, poi devi essere tu BRAVO AD APPLICARLI!!!

In pratica:

Uno PSICOLOGO o un MEDICO DEVE AVERE le CAPACITA' UMANE E PERSONALI che gli permettano di applicare gli STRUMENTI PROFESSIONALI appresi in anni di studio e di pratica.

Ma restiamo agli STRUMENTI perché sono fondamentali per ogni attività umana e principalmente quando si tratta di AIUTARE GLI ALTRI.

Gli strumenti di cui un professionista dispone dipendono dalla sua formazione che non è uguale per tutti.
E questo per un motivo molto semplice:

Esistono TANTISSIME PSICOLOGIE.

Parlare in modo esauriente di Psicologia è molto difficile. FORSE E’ IMPOSSIBILE.
Forse conoscerai la storia indiana dei 4 uomini che non avevano mai visto UN ELEFANTE.

Questi 4 uomini furono BENDATI e messi intorno a un elefante.
Fu detto loro di toccarlo e successivamente di descrivere quello che avevano toccato. 

Per il primo un elefante era qualcosa di DURO E APPUNTITO (aveva toccato LE ZANNE).
Per il secondo era si qualcosa di lungo, ma MORBIDO E FLESSUOSO (ovviamente parlava della PROBOSCIDE).

Per il terzo era qualcosa di PIATTO E LARGO (aveva toccato le ORECCHIE).
Per il quarto invece era ENORME GROSSO E MOLTO MUSCOLOSO (Aveva toccato IL CORPO).

Questa storia ricalca la situazione della Psicologia.
Pensate che fino a qualche anno fa il numero dei differenti approcci ai problemi psicologici era, se non ricordo male, di più di 1500 diversi tipi di Psicoterapia. UNA VERA E PROPRIA GIUNGLA.

Io ero ossessionato da un idea e cioè quella di aiutare le persone a risolvere i loro problemi e secondo quanto avevo appreso all’Università c’erano fondamentalmente due possibilità:

Il ricorso ai farmaci.
 
   
Lunghi anni di costose terapie psicologiche che avrebbero dovuto aiutare la persona a ricercare nel suo passato le cause del suo malessere. Queste cause dovevano essere per forza legate al rapporto con i propri genitori.
   

 
E QUESTO ANCHE SE I PAZIENTI SONO BAMBINI!!!


Io invece sono sempre stato convinto che la maggior parte dei problemi umani (certo, non tutti) si possono risolvere in maniera diversa, perché secondo me dipendono da quello che le persone FANNO e da quello che NON FANNO nella loro vita, e non dal passato o da squilibri chimici del cervello o del sistema nervoso.
COSI'.....MOLTO PIU' SEMPLICEMENTE!

Beh, avevo ragione.

Grazie ai miei studi post-universitari e alla mia attività professionale ho scoperto che quello che intuivo era la pura e semplice verità.


LE PERSONE HANNO PROBLEMI PERCHE’ AGISCONO E PENSANO IN MODO SBAGLIATO.
Ma non basta:
SE CAMBIANO MODO DI AGIRE RISOLVONO I LORO PROBLEMI.

E non è tutto, perché anche problemi gravi e complicati si possono risolvere in un arco di tempo relativamente breve.
Come?  CAMBIANDO MODO DI AGIRE E DI PENSARE

 

Cosa più facile a dirsi che a farsi, ma possibile utilizzando gli strumenti adeguati.

Durante la mia carriera di Psicologo la maggior parte delle persone che si sono rivolte a me hanno risolto il loro problema nell’arco di una media di 10 SEDUTE.

Per quanto riguarda i genitori che mi hanno chiesto aiuto per l’educazione dei loro figli, nella maggior parte dei casi, il numero delle sedute è stato ancora inferiore. 

E SENZA MAI VEDERE I RAGAZZI!!!!

Quindi senza ETICHETTARLI COME MALATI e facendo in modo che fossero I GENITORI CON IL LORO INTERVENTO risolvere il problema.

In molti casi i ragazzi non sapevano e per quanto ne so, NON SANNO che i genitori si sono rivolti a me.

Questo credo sia quello che la gente vuole:
RISOLVERE I PROPRI PROBLEMI IL PIU' VELOCEMENTE POSSIBILE E RIPRENDERE LA PROPRIA VITA.
Oppure iniziarne UNA NUOVA FORTE DELLE ESPERIENZE VISSUTE.


Se si è genitore questo è ANCORA PIU' VERO.
Nessun desiderio è più grande per un genitore di quello di vedere I PROPRI FIGLI SUPERARE LE LORO DIFFICOLTA'.
Ancor maggior è la soddisfazione se il problema si risolve  GRAZIE AL LORO INTERVENTO.

E questo perché in questo modo rafforzano il figlio o la figlia facendoli sentire sicuri di essere protetti e guidati dai propri genitori.

Quindi, problemi comportamentali, difficoltà scolastiche, problemi clinici come disturbi d’ansia, depressioni minorili, disturbi dell’alimentazione, condotte antisociali, si possono affrontare e risolvere in breve tempo, intervenendo
NEL MODO ADEGUATO E CON GLI STRUMENTI ADATTI.

Inoltre, se ci pensi, dieci sedute rappresentano un investimento in termini di denaro e di tempo molto diverso da quello che occorre per lunghi anni di terapia o per assumere farmaci per anni quando non per tutta la vita.

E’ un bel risparmio, economico, ma soprattutto di ANNI VISSUTI soffrendo e in maniera limitata.
Quindi la Psicologia, per essere utile, deve dare alle persone GLI STRUMENTI per superare le difficoltà e i problemi nell’arco di tempo più breve possibile.
 

ANCOR DI PIU' SE SI TRATTA DI GENITORI
IN DIFFICOLTA' CON L'EDUCAZIONE DEI FIGLI.


Ora vorrei parlare in modo più approfondito dell'educazione dei figli e dei ragazzi.
E’ opinione diffusa che stiamo vivendo una vera e propria EMERGENZA EDUCATIVA.

Secondo alcune statistiche il 95% dei genitori è in difficoltà con l’educazione dei propri figli.

 

Problemi di comportamento e di disciplina, anche in tenera età.
   
Problemi scolastici di rendimento e disciplina.
   
Una diffusa percezione della fragilità e della scarsa autonomia delle nuove generazioni.
   
Nei casi più gravi psicopatologie conclamate e problemi con la legge.
   
   


Inoltre i cambiamenti della società portano a un alta percezione dei pericoli per i ragazzi e da qui l’esigenza di proteggerli, in maniera ancor maggiore che in passato, DAI PERICOLI ma anche dagli OSTACOLI DELLA VITA.
Basti pensare ad Internet.

In molti paesi (non so se in Italia succeda) ci sono corsi nelle scuole e per i genitori per aiutare a proteggersi dai pericoli della rete, ormai frequentata dalla totalità di chi possiede un computer o che ne ha accesso.

I ragazzi però non vanno protetti solamente dai pericoli, ma anche dalle sensazioni spiacevoli, dalla sofferenza e dalla frustrazione, perché secondo molti, questi stati d’animo potrebbero disturbarne la crescita.

Questo, come vedrai, ha delle conseguenze nell'educazione...

Vediamo ora quello che succede ai genitori che sono in difficoltà con l’educazione dei loro figli.
Di fronte a problemi comportamentali, normalmente, i genitori si rivolgono alla scuola o al medico, spesso, a tutti e due.
Può accadere che il medico ravvisi un problema clinico.

Per esempio: Disturbo da deficit dell’attenzione con iperattività, oppure fobia sociale, oppure depressione ecc.
E che prescriva dei farmaci, oppure invii a uno Psichiatra.

Secondo il punto di vista medico, che è anche il più diffuso in Italia, questi problemi dipenderebbero da uno squilibrio chimico del sistema nervoso o del cervello, oppure da problemi genetici. In pratica nostro figlio o nostra figlia avrebbe una specie di handicap.

Questo approccio medico è molto diffuso anche per problemi che non sono di natura clinica, come per esempio, l’utilizzo di sciroppi per far dormire i bambini.

Se in alcuni casi può essere utile, sicuramente esistono altri metodi. (Come si è fatto fino ad oggi se no?)
Quindi può accadere che per risolvere i problemi si utilizzino dei farmaci.

Ora, se funziona e poi si interrompe l’assunzione, benissimo (anche se non si impara nulla se non altro passa il disagio).
MA SE NON FUNZIONA?

E se si è convinti che per certi problemi i farmaci non servano?
O semplicemente (e molto saggiamente) si crede che un eccesso di farmaci può essere dannoso e si vogliono percorrere altre vie?
Il medico può anche consigliare uno PSICOLOGO.

Purtroppo questo non accade spesso per diversi motivi che qui non è il caso di affrontare.
Se accade allora i nostri genitori prenderanno un appuntamento con il professionista che è stato loro consigliato.
Ma...CHI E'?

Hanno ricevuto le corrette informazioni su quale è il suo modo di lavorare?
In molti casi questo accade, in altri no. 

A volte accade che il professionista che ci è stato consigliato ci aiuti, altre no.
DA COSA DIPENDE QUESTO?

Può dipendere dalla bravura o meno del professionista e dagli strumenti che questo utilizza, che potrebbero essere i più adatti o meno al tipo di problema.

E’ necessario quindi conoscere gli strumenti che questa persona utilizza e quale è il suo modo di lavorare.
Purtroppo al riguardo dei diversi metodi di intervento in Psicologia c’è molta confusione e moltissima disinformazione e questo per diversi motivi che qui non sto ad analizzare.

Quindi un genitore che si vuole rivolgere a uno psicologo, molto spesso non ha e non riceve le informazioni adeguate.

Uno degli STRUMENTI più importanti che uno psicologo deve possedere è la capacità di FARSI CAPIRE DA CHI VUOLE AIUTARE.



Molti genitori, che si sono rivolti a me dopo altri colleghi che non erano riusciti ad aiutarli, si lamentavano della scarsa comprensione di quello che si diceva loro di fare. (E attenzione che questo succede anche con molti libri cartacei o ebook.)

Molti modi di intervenire e che promettono ottimi risultati (senza però pubblicare i dati rispetto a tali interventi), sono purtroppo di difficile comprensione quindi di difficile applicazione.

Altri invece si limitano a emettere diagnosi e a individuare le presunte cause, che nella stragrande maggioranza dei casi viene individuata nei genitori e nel loro operato.

Quindi, nella maggior parte dei casi i genitori o non comprendono e non riescono ad applicare quello che viene loro suggerito di fare, oppure vengono colpevolizzati. Invece quando un genitore si rivolge a uno specialista per chieder aiuto dovrebbe:
 

Ricevere strumenti operativi adeguati alla sua difficoltà o al suo problema.
   
Essere messo nella condizione di comprendere quanto gli viene comunicato.
   
Deve essere messo in grado di essere OPERATIVO DA SUBITO. La rapidità di intervento è fondamentale per ottenere risultati.
   


Deve essere messo in grado di essere OPERATIVO DA SUBITO. La rapidità di intervento è fondamentale per ottenere risultati.

Questo è esattamente quello che ho sempre cercato di fare e che voglio riuscire a fare anche in queste pagine.

Quello del colpevolizzare i genitori è un atteggiamento della nostra società che si è diffuso negli ultimi 40 anni e che secondo me è in parte RESPONSABILE di molti dei problemi di oggi.

Io sono convinto che i genitori facciano veramente tutto quanto è in loro potere per svolgere al meglio il loro ruolo di educatori e se commettono errori, è: SEMPRE IN BUONA FEDE E PENSANDO AL BENE DEI PROPRI FIGLI.

Tutti gli esseri umani commettono errori, qualunque cosa facciano, ricordatevi la frase:
"SOLO CHI NON FA NULLA NON COMMETTE ERRORI." H. FORD

Ci tenevo a citare questa frase perché mi piace molto e secondo me è illuminante.
I genitori di oggi hanno bisogno di essere aiutati ad avere GLI STRUMENTI GIUSTI.

Molto spesso, accade che l’aiuto che si chiede non funziona perché non è il più corretto, oppure che la colpa viene sempre e comunque dai genitori, che o sbagliano intervento o non capiscono cosa devono fare e anche di questo la colpa è loro.

Bello eh? Una coppia fa un figlio cerca di crescerlo al meglio, magari svolge due lavori per mantenerlo e poi se lui va male a scuola o la brucia o la allaga (è successo) è colpa dei genitori.
Potrebbe anche darsi, MA NON SEMPRE!!!!!

Nella maggior parte dei casi l’intervento psicologico funziona, ma bisogna sapere a chi rivolgersi e non sempre lo si capisce dalla pubblicità o dalle informazioni di chi ce lo consiglia. Al coro che colpevolizza i genitori si associa a gran voce il mondo della SCUOLA. 

Questa scuola (una delle peggiori d’Europa, secondo dati UE sul numero e la preparazione di diplomati e laureati che è uno dei più bassi d’Europa e con un livello di preparazione completamente inadeguato al mondo del lavoro), invece di cercare di superare i suoi limiti e di adeguarsi agli standard dei paesi più avanzati, vede nei genitori la causa di tutti i problemi dei ragazzi.

E questo nonostante la PREPARAZIONE, L'IMPEGNO e la BUONA VOLONTA' degli INSEGNANTI, che sono anch'essi vittime delle difficoltà dell'istituzione di cui fanno parte. (Ovviamente questo non è valido per tutte le scuole, alcune sono ottime o eccellenti, ma la situazione generale in Italia è sicuramente grave). 

Quindi i genitori vengono:

Colpevolizzati.
   
Quando chiedono aiuto spesso non ricevono gli strumenti adeguati o non comprendono quello che viene detto loro di fare perché è troppo complesso da mettere in pratica o perchè non viene spiegato in modo abbastanza chiaro e comprensibile.
 
   

Io ho sempre cercato di dare STRUMENTI UTILI, PRATICI E CHE PERMETTESSERO DI ESSERE OPERATIVI DA SUBITO, soprattutto per affrontare difficoltà e prevenire e risolvere problemi più gravi.
I risultati ottenuti mi hanno DATO RAGIONE.

Pubblicare i risultati del proprio lavoro come Psicologo è una cosa che FANNO IN POCHI.
Io LO FACCIO:

Ho risolto l’ 80% dei problemi (più di 250 casi) che mi sono stati presentati in un arco di tempo di 10-20 sedute.
Molti di questi problemi erano problemi educativi, o gravi situazioni cliniche che riguardavano famiglie e ragazzi, che si sono risolte cambiando atteggiamento e modo di agire dei genitori.

Se limito i miei risultati agli interventi educativi con insegnanti e genitori la percentuale di successo è più del 90%.

Ora vorrei parlare della condizione dei genitori di oggi. Il ruolo del genitore è diventato sempre più difficile.
I cambiamenti velocissimi della società in cui viviamo hanno messo in difficoltà la concezione dell’educazione dei figli nella nostra società.

I cambiamenti degli anni 60-70, le trasformazioni della società nel suo complesso, la globalizzazione, hanno cambiato tutto il mondo, rendendo difficile costruire e mantenere un determinato stile educativo condiviso da tutte le componenti della società.
Basti pensare al divorzio.

Solo oggi si vedono gli effetti della legge degli anni 70.

L’alto numero di divorzi ha creato nuovi tipi di famiglia, diversi sia da quella patriarcale che da quella nucleare.
Genitori single e “Multi-famiglie”, sono le nuove famiglie moderne che convivono con quella tradizionale.
Tuttavia le domande che i genitori si pongono, in qualunque condizione si trovino, sono sempre le stesse:

 

Come mi devo comportare per essere un buon genitore?
   
Come posso aiutare mio figlio o mia figlia a diventare autonomi?
 
   
Come posso aiutarli a sviluppare la fiducia nelle loro capacità?
   
Come posso fare per renderlo o renderla più forte e sicuro/a di se?
   
Come posso proteggerli dai pericoli che la vita presenta?
   
Come posso correggerne il comportamento quando sbagliano?
   
Come faccio a farmi ubbidire se da bambini fanno i capricci?
   
Come mi devo comportare quando arriva l'adolescenza?
   
Come li posso aiutare nella scuola?
   
Come posso collaborare con la scuola per favorire la loro crescita come cittadini integrati nella società?
   


Le domande di un genitore sono infinite tanto grande è l’impegno e il desiderio di essere un buon padre o una buona madre per i propri figli.

INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE è uno strumento che vuole aiutare i genitori ad essere ancora più bravi di quanto siano e a gestire e superare le difficoltà che si incontrano durante il cammino che porta i figli all’età adulta.

Durante il mio lavoro, tra le altre cose, mi sono occupato di EDUCAZIONE, facendo consulenze per genitori e famiglie, svolgendo attività di formazione e di consulenza per scuole e centri educativi.

In questi anni sono state moltissime le famiglie che si sono rivolte a me chiedendo un aiuto per superare le difficoltà e risolvere i problemi che incontravano nell’educazione dei propri figli.

La qualità dei risultati che ho ottenuto mi ha spinto a cercare di far arrivare la mia esperienza a più persone possibili.
La pubblicazione di un eBook di consulenza mi è sembrato lo strumento migliore per raggiungere questo scopo.

Inoltre, per diverse ragioni e valutazioni personali e professionali, ho interrotto la mia attività e mi sono trasferito in Spagna; Internet e questo sito sono gli strumenti con cui posso continuare a mettere a disposizione delle persone in Italia le mie competenze e la mia esperienza professionale.

INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE racchiude tutta la mia esperienza in campo educativo, come consulente per genitori, psicologo e educatore per ragazzi, formatore per insegnanti ed educatori e rappresenta il mio esordio come
CONSULENTE ON-LINE.

Per scriverlo ho pensato alle domande che i genitori mi hanno posto in questi anni e alle risposte e alle soluzioni che abbiamo trovato insieme.

Si potrebbe anche chiamarlo eBook-Consulenza-Intervento.

Ci sono esempi concreti da cui prendere spunto e la spiegazione dei motivi per cui un comportamento è più utile di un altro.

Il tutto viene spiegato nella maniera più chiara e comprensibile per essere di IMMEDIATA APPLICAZIONE.

Nella prima parte di questo eBook:

Troverai strumenti che ti aiuteranno a favorire lo sviluppo dell’autonomia e della fiducia in loro stessi nei tuoi figli.
   
Imparerai come far loro sviluppare il senso di responsabilità personale.
   
Troverai strumenti che ti mostreranno come svolgere il ruolo di genitore dall'infanzia all'età adulta.


Nella seconda parte:

 

Capirai come le difficoltà nell’educazione siano inevitabili e imparerai a gestirle e a superarle, prevenendo la formazione di problemi più complessi e di difficile soluzione.
   
Troverai utili suggerimenti su quando è il caso di chiedere un aiuto esterno, (uno psicologo, un consulente), come cercarlo, come comportarti e su quali criteri basare la tua scelta perchè ti sia veramente di aiuto.
   
La terza parte del eBook è dedicata a un fenomeno in grande espansione. Quello della separazione dei genitori e del successivo riorganizzarsi della famiglia.


Si parlerà:

Di divorzio e di separazione: Vedrai qual è il corretto atteggiamento da tenere con i figli (e il partner) durante il difficilissimo momento della separazione.
   
Delle “MULTI-FAMIGLIE”. Famiglie formate dai figli, i genitori naturali, i rispettivi nuovi partner e i loro partner precedenti, magari anche questi con figli. Questi gruppi passano molte occasioni come compleanni o eventi e molto tempo insieme, magari le vacanze. Il rischio di confusione di ruoli è alto. Imparerai a mantenere il tuo ruolo di genitore anche in queste situazioni complesse.
   
Imparerai il corretto comportamento da tenere in una nuova coppia con i figli di uno o dell’altro, sia che tu sia il genitore naturale, sia che tu sia il/la nuovo/a partner.
   
Di genitori single. Troverai strumenti che ti aiuteranno a svolgere il tuo ruolo di genitore pur in una situazione estremamente difficile come quella di dover crescere da sola o da solo un figlio.
   
Troverai le risposte a tante tue domande: Come posso svolgere bene il mio ruolo di genitore ora che sono separato/a? e vivo con il mio nuovo partner? Come faccio a mantenere il mio ruolo di guida quando ci sono così tante persone intorno a mio figlio? Oppure: Come posso fare a crescere mio figlio da solo/a?
   


Nella quarta ed ultima parte parleremo del rapporto con la scuola.

Vedremo e parleremo di:

Come svolgere insieme alla scuola il proprio ruolo educativo.
   
Come aiutare nostro figlio o nostra figlia nel difficile mondo della scuola moderna
   
Bullismo: quali sono le cause e come si deve intervenire, sia se si è genitori di una vittima che se si è genitori di un bullo.
   
Scuola multietnica. La grande opportunità che rappresenta oggi per i ragazzi il fatto di andare a scuola in un ambiente formato da bambini e ragazzi di diversi paesi e diverse culture.
   
Se pur scritto principalmente per i genitori è anche un eBook per insegnanti ed educatori. ( A maggior ragione se si è allo stesso tempo genitore e insegnante o educatore ovviamente.)
   

Si parla di rapporti scuola-famiglia e di come sia la difficoltosa comunicazione tra le due parti a creare molte delle difficoltà attuali.

Vi sono anche strumenti utili per gli insegnanti e gli educatori per comprendere l’origine di molti dei problemi dei bambini e dei giovani di oggi e degli strumenti di intervento indispensabili per aiutare questi ragazzi a risolvere i loro problemi.

Con INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE apprenderai strumenti indispensabili per l’educazione dei figli in una società complessa e difficile come quella attuale.


Imparerai ad essere elastico e ad adattare il tuo modo di essere genitore alle diverse età e alle diverse esigenze dei tuoi figli.

Comprenderai inoltre, quali sono le cause di quella che oggi viene definita L’EMERGENZA EDUCATIVA, italiana e non solo.


Proprio grazie agli strumenti contenuti in INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE, scoprirai come in realtà questa crisi sia dovuta a un fraintendimento sullo stile educativo della nostra società e come essa sia superabile migliorando il ruolo di educatori e di genitori utilizzando gli strumenti adeguati.


Proprio quelli contenuti in INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE.


Dopo anni in cui si è pensato che le regole e la disciplina fossero inutili se non dannose, si sente ora gridare a gran voce da più parti che è ora che i genitori mettano delle regole e insegnino la responsabilità personale ai figli.

Molto difficilmente, però, i genitori vengono aiutati dalla società in questo senso con sostegno, formazione e servizi per le famiglie.

Molto difficilmente viene insegnato ai genitori COME FARE a mettere delle regole, COME FARE a insegnare il senso di responsabilità personale ai figli.

A proposito del titolo di questo eBook ricordati la frase che hai letto all'inizio di questo sito:
“Se dai a un uomo un pesce lo sfamerai per un giorno, se gli insegni a pescare lo sfamerai tutta la vita.”

E’ proprio questo che imparerai leggendo e applicando i contenuti di questo eBook:
A rendere autonomo e responsabile tuo figlio, facendo crescere la fiducia nelle sue capacità e la sicurezza in se stesso, in modo da camminare da solo, fiducioso per il mondo...

...e imparare a pescare.




Però... ATTENZIONE - WARNING - ATTENTION.....

DOVRAI LEGGERE E SFORZARTI DI APPLICARE I CONTENUTI DELL' E-BOOK SE VUOI OTTENERE I RISULTATI E QUESTO RICHIEDERA' CHE TU TI IMPEGNI E CHE, A VOLTE, TU METTA IN DISCUSSIONE IL TUO STILE EDUCATIVO E ALCUNI ASPETTI DEL TUO CARATTERE.

Sei pronto o pronta a fare questo?

Ricorda ogni strumento è buono a seconda di chi lo usa e del modo in cui lo usa.
IO SONO SICURO DELL'EFFICACIA DI QUESTO E-BOOK, QUELLO CHE NON SO E' SE TU SEI IN GRADO DI SEGUIRE LE SUE INDICAZIONI...

Parliamo dell’aspetto economico.

In questo eBook sono contenuti strumenti che possono modificare la vita di una persona o di una famiglia, chiaramente in meglio.

Per conoscerli ed acquisirli sono necessarie di solito almeno 10 di colloqui o consulenze con uno psicologo o un consulente famigliare (deve essere moooolto BRAVO EHEHEH), oltre chiaramente alla messa in pratica successiva nella vita di tutti i giorni.

Si parla di rapporti famigliari, soluzione di problemi, consulenza professionale e matrimoniale, di rapporti con la scuola e con le istituzioni.

Se si dovessero affrontare questi temi sarebbero necessarie molte ore di consulenza e di conseguenza molte spese.
Si potrebbe andare dai 1000 ai 3000 euro, ma questo sarebbe controproducente per il mio scopo di AMPIA DIFFUSIONE di questi strumenti.

Inoltre l’eBook viene letto in solitudine, non c’è la presenza mia o di un consulente che fa aumentare il prezzo e il valore del tempo.

Questo è il grande vantaggio dell’eBook-consulenza: il lavoro viene fatto una volta e raggiunge un numero enorme di persone. Di conseguenza si riducono i costi.

Tuttavia credo che ciascuna parte del libro valga come minimo dai 50 ai 70 euro per le informazioni che contiene.
Di conseguenza l’eBook dovrebbe avere un prezzo tra i 200 e i 280 euro.

Uno dei miei obiettivi è però quello di far arrivare questo libro a più persone possibili, quindi ho deciso di metterlo in vendita a un prezzo molto accessibile.

Al prezzo di una seduta (economica) da un consulente potrai avere a disposizione materiale che necessiterebbe di molte ore e di molta spese. 

MA NON E' TUTTO !!!
Chi acquisterà INSEGNARE AI FIGLI A PESCARE, inviandomi la ricevuta avrà diritto a:

UNA MIA CONSULENZA GRATUITA VIA MAIL.

PROPRIO COSI' !
Se lo vorrai mi potrai chiedere una consulenza via mail, e per te sarà gratis mentre normalmente è a pagamento.
Ti basterà inviare una mail con la ricevuta all' indirizzo che troverai nel mio libro.

Chiaramente se poi ne vorrai altre dovrai pagare, ma se leggerai e applicherai i contenuti dell'eBook e metterai in pratica quello che eventualmente ti consiglierò di fare non ne avrai bisogno.

Questo sempre che ovviamente sia un problema per cui io possa fare qualcosa, in caso contrario ti suggerirò eventualmente a chi tu ti potrai rivolgere.

Infatti, come già ti ho detto, perché sia utile non bisognerà limitarsi a leggerlo.
Sarà necessario METTERNE IN PRATICA IL CONTENUTO.

Quindi al prezzo di €49,90 avrai:

L' EBOOK DI 169 PAGINE

UNA MIA CONSULENZA GRATIS VIA MAIL

TUTTO IN PROMOZIONE PER 7 GIORNI A €49,90 - FINITA LA PROMOZIONE IL COSTO SARA' DI €67,00

Quindi, ricorda, grazie a questo eBook chi si impegnerà diventerà SICURAMENTE un genitore ancora migliore di quanto è ora ma soprattutto, IMPARERA’ A INSEGNARE AI PROPRI FIGLI A PESCARE.

Clicca qui per scaricare subito


Un caro saluto e in bocca al lupo
Andrea Ungarelli


PS:
Se hai qualche domanda o, se hai acquistato l'eBook e vuoi ricevere una consulenza gratuita via mail, ricorda che mi puoi scrivere all'indirizzo che troverai nel mio ultimo libro " Insegnare ai figli a pescare "

Mi farebbe molto piacere ricevere i tuoi commenti e sapere se questa pagina e l'ebook ti sono stati utili. Come sai, sono molto interessato ai risultati che ottengo.

Ricorda che i tuoi dati personali e le informazioni che ti riguardano con me sono al sicuro.
Le mail contenenti dati personali verranno cestinate e quindi eliminate non appena ti avrò risposto e sarà terminata la nostra corrispondenza.

Verrà conservato solo il tuo indirizzo Email, sempre che tu non mi chieda di eliminarlo dalla mia mailing list.
Ricorda, per favore, di spedirmi anche l'autorizzazione a pubblicare sul mio blog il contenuto della tua mail qualora lo ritenessi interessante o utile per altre persone.

Ti assicuro che pubblicherò solamente le mail di cui avrò l'autorizzazione e chiaramente omettendo di pubblicare il tuo nome e altri dati personali.

Clicca qui per scaricare subito


Copyright © 2009 Andrea Ungarelli, tutti i diritti riservati.